Cari amici,
inizia una nuova avventura allo Spazio Parini di Como. Insieme percorreremo le “Strade Rosse” che uniscono il racconto, le canzoni e il vino, ingredienti alla base di questo nuovo viaggio. Il primo appuntamento vede al centro un artista che mi sta particolarmente a cuore come Enzo Jannacci: lo ritroveremo nelle parole di Paolo Vites, nella voce di Gianbattista Galli e nel Nebbiolo dei vignaioli de il Vino e le Rose che hanno voluto essere con noi. Vi aspettiamo.

Giovedì 24 ottobre, alle 19, Paolo Vites sarà ospite allo Spazio Parini di Como per la presentazione del saggio Enzo Jannacci, canzoni che feriscono. La serata sarà accompagnata da un omaggio al grande artista milanese proposto dai Sulutumana Trio (Giambattista Galli, Nadir Giori e Francesco Andreotti) e da una degustazione di Nebbiolo con i vignaioli dell’azienda piemontese Il vino e le rose. L’appuntamento è inserito all’interno della rassegna “Strade Rosse”, una serie di appuntamenti culturali all’insegna del racconto organizzati e presentati da Maurizio Pratelli.

Il libro

Nessuno meglio di Paolo Vites avrebbe potuto raccontare le ferite che procurano le canzoni di Enzo Jannacci. Nessuno perché Vites – uno dei critici musicali più interessanti e anticonformisti del panorama contemporaneo – scrive sempre con il cuore di chi è stato “vittima” delle canzoni, in questo caso quelle di Jannacci.  In questo libro “sincero, accattivante ed emozionante”, come lo definisce Enzo Limardi, storico collaboratore di Jannacci, Vites rilegge l’opera del cantautore milanese sotto una luce particolare, nuova e sorprendente, evitando accuratamente l’abusata semplificazione del “cantante demenziale” e segnalando i brani in cui la “ferita del cuore” emerge in modo più evidente. Paradossalmente sono proprio queste le canzoni che ci hanno salvato la vita, quelle vissute di notte sulla propria pelle. Se è vero che il meglio di Jannacci era il peggio di Milano – come scriveva mirabilmente Gianni Mura – è anche vero che l’innata allegria del naufrago, metafora attraverso la quale si è sempre espresso, gli ha concesso di diventare la voce credibile di chi non aveva il coraggio di cantare il proprio malessere.

I vignaioli

Percorsi differenti hanno portato Felicia, Massimiliano, Gabriele e Stefano, all’inizio del 2017, a decidere di concretizzare un progetto insieme, nella convinzione che l’unione fa la forza, che l’energia che scaturisce da un gruppo è contagiosamente bella. Questio quattro vignaiolo sono motivati dal percorso che hanno deciso di intraprendere, che nasce, cresce e trova la sua massima realizzazione nella produzione di vino, la loro attività prevalente: la cura della vigna nel rispetto dell’ambiente e dei suoi abitanti, l’attenta osservazione in cantina per limitare il più possibile qualunque intervento che possa alterare la naturale trasformazione dell’uva, l’aspetto commerciale indirizzato al consumo critico e a circuiti che possano permetterci il contatto diretto con consumatori, appassionati e esperti del settore.

Il vino
Amore e Psiche è ottenuto dalla vinificazione in purezza di uve nebbiolo prodotte in una piccola vigna con una storia alle spalle di 50 anni ubicata nella frazione di San Giuseppe nel comune di Castagnito, Amore e Psiche porta con se il carattere audace e sfrontato della nostra avventura vitivinicola. Apuleio narrava nella sua favola che “Dall’unione di Amore e Psiche nacque una figlia chiamata voluttà”, allo stesso modo dall’amore fra noi e queste vigne sconfinate e senza tempo nasce questo vino che è puro piacere:

Colore rosso rubino intenso con riflessi aranciati, profumo ampio, fruttato, floreale con sentori di lampone, fragola, piccoli frutti del sottobosco, fiore di geranio; il gusto asciutto, persistente con tannini insolitamente morbidi ed equilibrati. Caldo e avvolgente e con un finale persistente si presta ad un invecchiamento medio lungo.Si abbina a risotti, fonduta, salumi cotti, formaggi (anche di medio invecchiamento). Alcol dai 13 ai 14,5 volumi a seconda delle annate.